Cose da geek

Mobile World Congress: cosa c’è da sapere

A Barcellona, si è appena concluso il Mobile World Congress e Back Market era presente! 4 giorni dedicati alla telefonia mobile in tutte le sue forme, non potevamo certamente non esserci.
Di seguito un piccolo riepilogo dell’evento, più breve del tempo necessario per scaricare un aggiornamento di iOS.

Il ritorno di Nokia

Una volta marchio insuperabile del settore, l’azienda finlandese ha perso il suo lustro dopo lo sbarco degli smartphone…fino a quasi scomparire dal mercato. Eppure proviamo tutti una nota di rimpianto a pensare ai mitici Nokia, invulnerabili e indistruttibili. Chi si ricorda dei tempi in cui la batteria del telefono durava 5 giorni?
Ebbene, consolatevi! Il marchio ha lasciato il segno a Barcellona e sta tornando più forte di prima, come Britney Spears dopo la riabilitazione: uno stand enorme, demo, tecnologia e innovazione come se piovesse … Dovremo fare i conti con loro in futuro.
Ma il colpo grosso è stato l’annuncio del ritorno del 3310. Una scommessa piuttosto sfacciata in tempi di costante rilancio tecnologico. Ma puntando alla nostalgia, al desiderio di disintossicazione digitale e al ritorno ai fondamentali, Nokia ha decisamente rubato la scena; soprattutto perché è evidente che il 3310 è solo il primo passo nella strategia di rinnovamento del marchio. Restate sintonizzati!

Nokia 3310

La potenza assoluta della realtà virtuale

In fiera era presente ovunque e in tutte le salse. Benché un gran numero di marchi sia assolutamente consapevole che è sulla tecnologia che occorre puntare, non tutti hanno colpito nel segno.
Oltre ai giochi, molti marchi si affidano alla realtà virtuale per visite e simulazioni: le applicazioni sono molteplici e talvolta sorprendenti.
Noi di Back Market ci siamo dati da fare a provare moltissimi caschi e, ovviamente, abbiamo provato quanto di meglio offre il mercato in termini di giochi in realtà virtuale. Ci si sente un po’ stupidi con un affare del genere in testa, ma il divertimento è assicurato…

Thibaud

La seconda vita del telefono

C’è vita dopo la morte degli smartphone? BackMarket è già un po’ che lo sa con certezza! Siamo stati ben lieti di scoprire che questo assioma è sempre più riconosciuto dai pesi massimi del settore e dai nuovi attori che si stanno facendo largo sul mercato (non meno di dieci espositori specializzati). In molti dedicano una parte non trascurabile della loro attività (e della loro comunicazione) alla riparazione, alla rivendita e al ricondizionamento. Siamo comunque un po’ dispiaciuti che l’argomento non sia stato affrontato nel ciclo di conferenze ma, non certo senza sorpresa, è il mercato che guida le scelte dei consumatori e i teorici si svegliano sempre dopo!
Ad ogni modo, che si tratti di motivazioni economiche o ecologiche, l’idea ha preso piede. La nostra battaglia per l’obsolescenza programmata è sempre più condivisa e questa sì che è una grande notizia!

 

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.