Cose da geek

L’iPhone 9 è arrivato

Sei tanco/a delle uscite di iPhone più frequenti del nuovo colore di capelli di Beyoncé? Sei contrariato/a dal fatto di essere sistematicamente deluso/a una volta ottenuto il tuo giocattolo che, arrivato nella tua tasca, ripete i difetti delle versioni precedenti?

Da Back Market, abbiamo stilato la nostra lista di desideri (ho incaricato Tim Cook) perché, finalmente, l’iPhone diventi lo smartphone dei nostri sogni.

Una VERA batteria che dura un mese

Ormai lo smartphone è diventato un po’ come il nostro secondo cervello (in più performante e astuto). Ha il compito di prevedere i nostri desideri, riflettere, sapere, informare, divertire. Uno strumento molto potente, dunque. Ma allora perché, PERCHÉ esala l’ultimo respiro dopo meno di una giornata? Chi mai guiderebbe una Ferrari con un’autonomia di 12 km?

Insomma, basta dover fare gli occhi dolci del Gatto di Shrek al barista, per negoziare l’uso del caricabatterie!

È deciso: la batteria dell’iPhone 9 dovrà reggere per almeno un mese.

Un guscio infrangibile

Quando si ha in tasca quasi un intero stipendio, si vorrebbe che sopravvivesse alla nostra vita quotidiana. In poche parole, si vorrebbe perlomeno che fosse possibile sedersi con l’oggetto in tasca, che non fosse necessario creare un perimetro di sicurezza appena appare un bambino all’orizzonte o acquistare una custodia in cuoio con scomparti per le carte di credito (daddy style).

Un telefono degno di questo nome deve essere ultraresistente e dotato di un guscio infrangibile.

Dimensioni ragionevoli

L’iPhone è cool, ma tende un po’ al sovrappeso. Con le ultime versioni, si ha quasi la sensazione di portarsi in borsa una televisione. Quindi sarebbe carino rivedere le sue dimensioni al ribasso, grazie

Una presa per le cuffie

Forse noi di Back Market siamo un po’ all’antica, ma gli AirPods:

1/ si perdono

2/ sono cari

3/ danno l’aria di essere un rappresentante di finestre in PVC

A partire dall’iPhone 7, le prese per le cuffie sono scomparse, non lasciando molta scelta ai comuni mortali…

A seguire, la nostra petizione per il ritorno della presa per le cuffie sull’iPhone.

Un’eccezionale esperienza di gioco in mobilità

Snake ha illuminato la nostra adolescenza ai tempi del primo Nokia e ci ha aiutati a passare i lunghi pomeriggi dei corsi di matematica in 3a B.

Con la potenza di calcolo dell’iPhone, degna di un T-1000, ci si aspetterebbe come minimo qualche gioco un po’ più evoluto di quelli del momento, a base di c

Possibilità di inserire una scheda SD per avere una memoria supplementare

La cosa più esasperante, oltre ad arrivare sul marciapiede della metropolitana proprio mentre il treno sta partendo, è il fatto di non poter scattare fotografie perché la memoria dell’iPhone è piena. Così ci si rassegna a selezionare i propri scatti passati, a tentare inutilmente di trovare delle app da eliminare…

 

È davvero così complicato prevedere una scheda SD per essere al sicuro e poter fotografare i primi passi del piccolo Quintino?

Il prezzo: meno caro dell’iPhone (davvero)

Naturalmente, con tutti questi requisiti, puoi ben immaginare che la ciliegina sulla scheda SIM è un prezzo amico del portafoglio, che non richiede un credito al consumo, né la sottoscrizione di un impegno di 7 anni con il nostro operatore.

Considerati i margini e i bilanci di marketing, Tim, non sarebbe possibile un piccolo gesto commerciale?

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.