Cose da geek

Elon Musk nel tuo salotto

Elon Musk potrebbe essere quello che più si avvicina a un Tony Stark (noto come Iron Man) dalle ambizioni tecnologiche tanto gargantuesche quanto… diabolicamente intriganti. A Back Market adoriamo questo tipo di iniziative.

Con Tesla, ha permesso (con un minimo di 5 a 20 anni di Smic) di dire addio alle stazioni di servizio e ai loro dubbiosi tramezzini. Fermarsi qui? Significherebbe non conoscere bene questo genio un pizzico megalomane. Elon si attacca ora all’energia domestica… Prima di conquistare il resto del mondo.

Solar City: Perché non ci avevamo pensato?

Elon Musk non si limita a Tesla: crea, investe o ricompra un sacco di altre aziende tecnologiche gioiello.
Tra cui: Solar City e i suoi pannelli solari ultra-performanti. Associati alle batterie del marchio Tesla, si trasformano in tetti connessi in grado di alimentare energeticamente una casa e di immagazzinare l’energia in eccesso… e un domani, cos’altro?

SolarCitytoits

Perché è geniale ?

Perché è efficace: ogni abitazione individuale diventa autonoma in energia. A ciò aggiungete il potenziale di connessione della tecnologia e otterrete così degli sbocchi utili e astuti per la domotica comandata da smartphone che ci viene venduta da anni come una rivoluzione sconvolgente quanto l’auto-reverse.

Perché è estetico e solido: i pannelli solari di Solar City assomigliano molto all’ardesia, sono anni luce lontani dai pannelli solari che si installano sul lato posteriore del tetto (sì, sì, quelli che assomigliano alla stazione spaziale Mir). Ciliegina sulla torta, sono ultra-resistenti agli urti e alle condizioni climatiche estreme.
Perché è (quasi) accessibile: siamo ancora in attesa di alcuni dettagli, ma questi pannelli si dovrebbero poter affittare, previo un acconto iniziale. Tenuto conto delle economie energetiche realizzate, i pannelli possono rivelarsi un’ottima operazione finanziaria per i comuni mortali.
Perché siamo solo all’inizio: iniziamo a conoscere questo caro Elon. Le possibilità di simili innovazioni sono praticamente infinite. Perché non immaginare altre superfici? Edifici pubblici, strade? La loro installazione nei paesi in via di sviluppo costituirebbe inoltre un passo avanti umanitario considerevole.

SP-everywhere

Elon, presidente?

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.